Contenuto principale

Messaggio di avviso

Il POF (Piano dell’Offerta Formativa) è il documento fondamentale dell’ istituzione scolastica fino all'a.s. 2015/16.

Con questo documento il nostro liceo elabora e comunica le caratteristiche della propria Offerta Formativa e del servizio scolastico che ha progettato e che si impegna ad attuare e offrire ai propri utenti e al territorio.

E’ lo strumento mediante il quale ogni scuola rende concreta l’autonomia didattica, organizzativa, di ricerca, sperimentazione e sviluppo che il Dpr 275/99 le ha attribuito.

Il Pof ha validità pluriennale nelle sue linee generali, ma può e deve essere aggiornato annualmente in relazione alle nuove normative, ma soprattutto alla sua valutazione interna e esterna.

Visualizza il POF a.s. 2015/16 in versione integrale

La legge 107/2015 nel comma 14 dell’art.1 modifica in modo significativo l’art. 3 del DPR 275/99 e stabilisce il passaggio da un piano annuale dell’offerta formativa ad uno triennale – il PTOF – chiedendo alle scuole un passo avanti nell’interpretazione dell’autonomia, nella consapevolezza che attraverso un prolungamento del tempo si possano definire meglio obiettivi, modalità e tempi per il loro raggiungimento.

Visualizza il PTOF (Piano Triennale Offerta Formativa) 2016/19

Visualizza l'Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico anni 2016/19

PTOF aggiornato con delibera del 5/12/2016

Visualizza l'Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico anni 2017/19

Visualizza il PTOF (Piano Triennale Offerta Formativa) 2016/2019 versione aggiornata al 30.10.2017

 

Il nostro Istituto da anni sperimenta una didattica aumentata dalla tecnologia, innova, vincendo bandi e investendo in strumenti e formazione.
Questa attenzione al futuro ha portato il nostro Liceo a diventare Scuol@ 2.0. 

Ora, con l'avvio da parte del Ministero del Piano nazionale Scuola Digitale, la nostra vocazione innovativa trova una cornice coerente e coesa all'interno della quale continuare a realizzare percorsi di didattica e formazione volti al migliorameto continuo.

La qualità della formazione conseguita dai vostri figli è decisiva per il loro futuro, per “la società della conoscenza”.

Il nostro istituto, consapevole del proprio compito istituzionale, offre una formazione culturale, civile e umana completa, valorizza le discipline scientifiche, anche con l’attività laboratoriale, e permette di acquisire le necessarie competenze nelle lingue straniere.

Le nostre opzioni curriculari ed i nostri progetti valorizzano le attitudini personali dell’alunno, aiutandolo nel percorso di crescita e formazione.

Il nostro impegno è rivolto allo sviluppo delle capacità logiche e critiche, ad un uso consapevole ed efficace delle nuove tecnologie, all’acquisizione di un metodo di studio autonomo e flessibile.

Il ragazzo riuscirà così ad acquisire le necessarie competenze per proseguire, in modo proficuo, la sua formazione in ambito universitario, ma anche per inserirsi efficacemente nel mondo del lavoro.

Punto di forza del Liceo Galilei è la grande attenzione rivolta al benessere dell’alunno, ai diversi ritmi di apprendimento e alle sue attitudini.

L’attività di orientamento, coerentemente con quanto detto, contribuisce ad una scelta della scuola superiore ben meditata e pienamente consapevole.

Le nostre finalità

Formare un cittadino consapevole dei propri diritti e dei propri doveri, capace di interagire con i molteplici aspetti della realtà.

Al termine del percorso formativo lo studente avrà acquisito ‘’gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, per por-si, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle si-tuazioni, ai fenomeni e ai problemi”; inoltre “conoscenze, abilità e competenze saranno adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, oltrechè coerenti con le capacità e le scelte personali”

Evidenziando le specificità del liceo scienti-fico è importante ricordare che esso “è indirizzato allo studio del nesso tra cul-tura scientifica e tradizione umanistica.

Favorisce l’acquisizione delle cono-scenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze natu-rali.

Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abili-tà e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle meto-dologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale”.

Metodologia

Il nostro approccio didattico prevede che:

• i contenuti disciplinari siano trattati in modo organico in una prospettiva si-stematica, storica e critica, con una modalità mirata a produrre un sapere valido, razionale, unitario, equilibrato nei due versanti linguistico-storico-filosofico e scientifico, senza alcuna separazione tra “nozione” e sua tradu-zione in abilità;

• lo sviluppo delle competenze disciplinari sia orientato a fornire allo studente gli strumenti per individuare e applicare principi logici generali e le strategie atte a scegliere, tra diversi percorsi possibili nell’analisi e risoluzione dei problemi, quello ottimale;

• vengano evidenziati i nessi e le necessarie interconnessioni tra i metodi di conoscenza propri della matematica e delle scienze sperimentali e quelli propri dell’indagine di tipo umanistico, mirando alla consapevolezza della diversità e specificità dei metodi utilizzati dai vari ambiti disciplinari e alla capacità di valutare i criteri di affidabilità dei risultati in essi raggiunti;

• si acquisisca l’abitudine all’uso delle competenze disciplinari per sviluppare la capacità di riflessione autonoma anche nei confronti dell’esperienza quo-tidiana;

• la modalità di lavoro sia orientata alla pluridisciplinarietà, intesa come sinte-si organica di conoscenze disciplinari approfondite, che si affianchi, colle-gandole, alle conoscenze e alle competenze delle singole discipline;

• si adottino la discussione e il confronto in classe per sviluppare la capacità di esprimere motivate opinioni personali, di prendere in considerazione con-tributi altrui, di pervenire a sintesi finali valide attraverso la pratica dell’argomentazione e del confronto;

• le competenze digitali siano trasversali a tutte le discipline, in quanto l’utilizzo delle Tic è strumentale al miglioramento del lavoro in classe e co-me supporto allo studio, alla verifica, alla ricerca, al recupero e agli appro-fondimenti personali degli studenti;

• sia favorita la sperimentazione e lo scambio di esperienze metodologiche tra docenti della stessa disciplina nell’ambito del dipartimento specifico e in ottica interdisciplinare.

Attività extra curriculari

Per quanto riguarda le attività extracurriculari, i progetti proposti dalla scuola sono stati raggruppati in sei settori:

  • lingue straniere e internazionalizzazione,
  • sport,
  • solidarietà e benessere,
  • area artistico espressiva e comunicazione,
  • area scientifica e nuove tecnologie,
  • potenziamento e recupero.

Riteniamo infatti indispensabile che lo studente possa esprimere le sue potenzialità non solo attraverso l'apprendimento delle materie tradizionali, che sono imprescindibili per il percorso formativo del ragazzo, ma anche attraverso attività extra, che meglio si adattano alle sue propensioni e gli permettono di acquisire competenze trasversali.

Sperimentazione Didattica con il Tablet

didattica tabletIl Liceo Galilei di Ancona intende sperimentare, in una classe di Scienze applicate, quanto l’uso dei tablet nell’attività didattica e delle risorse ad esso correlate rafforzino il processo di apprendimento, verificando le reali potenzialità dello strumento.

Coinvolgendo i ragazzi ad una partecipazione attiva al dialogo educativo e lavorando in una modalità wiki, si potranno sperimentare attività utili per l’eventuale diffusione ed implementazione della nuova modalità didattica.

Crediamo fortemente nell'innovazione del processo educativo, ma riteniamo necessaria un'attenta valutazione degli effettivi risultati che l'introduzione di strumenti nuovi possano generare, in fondo nelle nostre mani abbiamo in consegna il futuro dei nostri figli.

 

Il Liceo G. Galilei è una scuola Digitale

Con la Scuol@ 2.0 si estendono le precedenti sperimentazioni a tutte le classi dell’istituto, in un percorso di innovazione didattica e di trasformazione degli ambienti di apprendimento, attraverso l’utilizzo e-steso delle tecnologie.

Tutte le aule della nostra scuola saranno attrezzate con le nuove tecnologie, diventando singoli laboratori. Si utilizzerà quanto offerto dai lin-guaggi digitali per promuovere spazi interattivi e di simulazione, nuovi ambienti di apprendimento, innovazione della didattica e della qualità del “tempo scuola”. Il no-stro progetto è partito dall’idea che le nuove tecnologie nella dimensione 2.0 genera-no un cambiamento nella scuola, tale da ridefinire il concetto stesso di classe e di ambiente di apprendimento, offre nuove modalità di interazione, favorisce l’acquisizione del sapere, contribuendo a costruire l’identità dello studente.

Abbiamo proposto una nuova forma di sistema pronta a rispondere alle esigenze formative dell’utenza, integrandosi nel territorio come agenzia educativa multimediale. L’iniziativa ha i seguenti obiettivi: motivare la partecipazione proponendo esperienze attive, l’apprendimento tra pari, i diritti di cittadinanza, il successo scolastico, la tra-sversalità, lo sviluppo di abilità professionali. In questo modo si dà piena attuazione alla didattica per competenze attraverso le nuove tecnologie.

Lo scopo è promuovere la formazione in ambiente blended e-learning mediante strumenti che inneschino dinamiche cooperative e collaborative. Il progetto è innovativo, perché sposta l’attenzione dalla disciplina alla sua valenza formativa; realizza un percorso di co-struzione del curricolo orizzontale ( cioè tra diversi ordini scolastici) e verticale ( cioè dello stesso ordine) mediante le TIC; progetta percorsi per competenze con nuove modalità per quanto concerne tempi e spazi; costruisce modelli di valutazione delle competenze in verticale e orizzontale; documenta le fasi per una diffusione dei risultati; promuove il coinvolgimento delle famiglie. Il lavoro intrapreso è impegnativo, ma entusiasmante, anche perché produce un modello esperienziale esportabile.

Va tut-tavia sottolineato il carattere sperimentale di tale nuova didattica interattiva, i cui ri-sultati sul processo di insegnamento/apprendimento non sono ancora stati comple-tamente monitorati.

Il nostro Liceo intende, dunque, procedere ad una integrazione tra mezzo cartaceo ed e-book, didattica tradizionale e digitalizzazione, supportata dalla continua formazione dei docenti, che hanno già da tempo adottato il registro e-lettronico nell’ottica del processo di dematerializzazione in atto nella P. A. Dallo scorso A.S. il nostro liceo dispone anche di Google Apps for Education, che è una piat-taforma utilizzata da docenti ed alunni per creare e condividere documenti scritti, presentazioni, fogli di calcolo, moduli.

I dati vengono conservati su cloud e sono sempre disponibili e accessibili persino dallo smartphone. Da quest’anno inizia, i-noltre, la sperimentazione didattica totalmente digitale con l’uso sistematico del tablet; la classe prima I,(23 alunni) di Scienze Applicate( percorso che prevede l’insegnamento quinquennale curriculare di Informatica ) inaugura tale innovazione del processo di insegnamento/apprendimento che pone lo studente al centro del proprio percorso formativo in un approccio ‘ribaltato’ della tradizionale didattica ( flip-ped class ).

Con tale modalità il lavoro domestico riesce a sfruttare tutte le potenziali-tà del materiale culturale on-line, mentre l’attività in classe consente di attuare una didattica laboratoriale socializzante e personalizzata, cooperativa ed interdisciplinare, tale da sviluppare al meglio anche le competenze chiave di cittadinanza.